active

Preparare ed animare una presentazione orale

Più il pubblico vi ascolterà, meglio passerà il vostro messaggio e voi vi sentirete più motivati e a vostro agio. In caso contrario, potreste ritrovarvi a chiedervi durante la presentazione se quello che state dicendo è pertinente. Così facendo, rischiate di perdere la concentrazione. 

Dovete riuscite ad attrarre il pubblico già all’inizio della vostra presentazione. In seguito, durante lo svolgimento, assicuratevi di mantenere il loro interesse. Prestate attenzione ai segnali che il pubblico vi manda (linguaggio verbale e non verbale) per capire se sono attenti oppure no.

Nel video "Public Speaking For Beginners", il coach di comunicazione Alex Lyon dà consigli su come mantenere l'attenzione del pubblico: 

Come attirare l’attenzione del pubblico?

Dei consigli sempre valevoli:

  • Cominciate la presentazione sorridendo e con una parola di benvenuto.
  • Guardate tutta la sala e non concentratevi solo su di una persona.
  • Siate entusiasti, positivi e fieri di voi stessi. Motivate la sala tramite la vostra motivazione.

Curate l’inizio della presentazione:

  • M. Powell (2012) mostra degli esempi per iniziare e terminare una presentazione nel suo video "How to open and close presentations?"
  • Nel suo libro “Presentation zen” (2012), Garr Reynolds ha sviluppato il capitolo “Démarrez fort pour établir une relation” (pp. 236-239) in cui da 5 consigli: personalizzare la presentazione, rivelare qualcosa di inatteso, mostrare qualcosa di nuovo, essere provocanti ed utilizzare l’umorismo.
  • Il forum “Prise de Parole.com” (sd) consiglia dei modi per iniziare bene una presentazione.
Come mantenere l’attenzione del pubblico?

Il ritmo della presentazione è importante

  • Gli autori della pagina web “Réussir une présentation orale” (Gasquet, 2015) citano i consigli di Jean-Pierre Léglise : “Un adulte a une capacité d’écoute limitée à douze minutes en moyenne.” (nostra traduzione : “Un adulto ha in media  una capacità d’ascolto limitata a dodici minuti”). Quindi, ogni 12 minuti dovete trovare un modo per riacquistare l’attenzione del vostro pubblico, sottolineando un punto importante, cambiando il tono di voce, mostrando delle illustrazioni o passando ad un nuovo punto della presentazione.
  • Nesma Houhou (2012, 14 marzo) spiega nel suo articolo “Combien de slides doit-on intégrer dans une présentation?” che la cosa importante è creare un ritmo della presentazione.

Ci sono varie distrazioni che si possono anticipare, diminuire o evitare.

  • Laberge (2007) menziona i rumori di sottofondo, un ambiente caldo, un aspetto del tema che potrebbe disturbare il pubblico e la percezione della credibilità del presentatore.
  • Le vostre diapositive avranno un impatto molto diverso se saranno sovraccariche oppure no (cf attività “Preparare il supporto visuale”).

Interagite con il pubblico e fatelo partecipare

  • Affinché il pubblico sia catturato dalla vostra presentazione, dovete tener conto della sua prospettiva, come spiega Craig Czarnecki (2017) nella pagina  blog  “Get your audience involved in your presentation”.
  • SpeakUp è un programma che da la possibilità al pubblico di farvi delle domande tramite web o smartphone. Potrete trovare i punti positivi e negativi di questo software nell’articolo di Alrick Deillon (2016) “SpeakUp: Gestion des questions lors des présentation“ (cf Risorse).
  • Altri strumenti consentono di condurre rapidamente sondaggi nel pubblico : Microsoft Forms, Pingo, Hot Question (de Moodle), etc. A. Deillon (2019) vi presenta vari strumenti proposti dalla nostra équipe in sostituzione a Votamatic.

Durante la presentazione, prestate attenzione ai segnali che il pubblico vi invia (specialmente per quanto riguarda la comunicazione non verbale).

  • “80% de la communication est non verbale: c’est-à-dire que vos interlocuteurs analysent plus vos gestes, vos sourires, votre position… que le sens de vos paroles aussi bonnes qu’elles soient.” (Site ConseilsMarketing.fr, 2019) (nostra traduzione: “80% della comunicazione non è verbale: quindi i vostri interlocutori analizzano più i vostri gesti, i sorrisi, la posizione… che il senso delle vostre parole, nonostante queste siano molto buone.”).
  • Nel blog “slide at work” (Houhouh, 2012) sono indicati 6 punti importanti del linguaggio corporale durante una presentazione orale: restare aperti, posizionare i piedi, accompagnare le parole con dei gesti, mantenere il contatto visivo, essere sorridenti ed esprimere la propria energia (volet 1volet 2).
  • Il forum “Prise de Parole.com” (sd) offre alcuni elementi d’interpretazione del linguaggio del vostro pubblico. Osservate la posizione delle persone che si trovano in faccia a voi e quello che fanno.
  • Ma siate prudenti nell’interpretazione, perché non tutte le persone si comportano allo stesso modo. Nel dubbio, chiedete loro se hanno delle domande, se è tutto chiaro, ecc.

Essere sicuri di sé stessi è fondamentale e per esserlo bisogna avere un’attitudine positiva verso le proprie capacità:

  • Perché essere convinti? Convincere i vostri interlocutori sarà più facile se voi sarete convinti di voi stessi (Gasquet, 2005).
  • Guardate il pubblico negli occhi. Nella cultura europea, questo è segno di verità. Ma non fissatevi su una sola persona, guardate tutte le persone presenti.
Il momento della conclusione e delle domande

Per concludere

Per le domande

  • Bisogna restare calmi. Non c’è nessuna ragione per andare in panico, perché conoscete il contenuto e sarete quindi capaci di rispondere alle domande e alle osservazioni.
  • Annotate le questioni che vi pongono, in questa maniera potrete rilassarvi e prendervi del tempo per rispondere. Se non sapete cosa dire, chiedete di riformulare la domanda. L’importante è mostrare che siete capaci a fare dei collegamenti con il vostro contenuto e proponendo degli esempi.